Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘pdl’

Purtroppo per tutte noi, donne dai gusti raffinati, non potremo ammirare l’onorevole, che di onorevole ha ben poco, Clemente Mastella in costume da bagno nell’isola dei famosi su Raidue. Questa è la notizia emersa a margine della riunione dell’assemblea nazionale dell’Edeur che ha sancito la nascita del movimento politico dei “Popolari del Sud”, insomma, una notiziona davvero importante che sicuramente renderà onore a questo neonato movimento di tutto rispetto.
Clemente Mastella ha inoltre dichiarato “In verità avrei devoluto tutto in beneficenza. Per qualche settimana sono stato in dubbio se accettare la proposta anche perché Gori mi assicurava che avrei avuto una grande audience. Ma il mio scopo sarebbe stato comunque costringermi a fare un po’ di dieta. Certo non mi sarei candidato per vanità né per andare a fare l’arruffone con le ragazze“.

Questi sono i dubbi che per settimane hanno occupato la mente del nostro europarlamentare alle prese con la nascita di un nuovo movimento politico, ma da questo “clemente” potevamo aspettarci altro?

Helene Benedetti

Annunci

Read Full Post »

di  Helene Benedetti

Questa è la storia di un cittadino onesto che aveva il dovere di controllare che nessuno facesse irregolarità sul suo posto di lavoro; un posto di lavoro dedicato alla beneficenza, i nostri soldi per i meno fortunati.
Quando il nostro raro cittadino onesto ha scoperto gravissime irregolarità fra i conti che non tornavano, ha giustamente denunciato, era il suo dovere, lui era pagato anche per questo.
Finalmente arrivò il controllo dei Revisori dei Conti, riscontrarono le gravissime irregolarità, erano tutti sconvolti; la sorella di Gianni Letta, Maria Teresa Letta, faceva di fatto gravi ingarbugliamenti fra conti bancari, pagamenti e riscossioni varie, autonomine, autoporcate… era tutto li, palese, scritto, documentabile… documenti che troviamo anche in rete.
Durante l’ Ispezione, la donna autrice degli illeciti, ha invitato i Revisori dei Conti a pranzo… un po’ come la storia di Berlusconi a cena con chi doveva decidere la costituzionalità incostituzionale del Lodo Alfano.
I Revisori dei Conti sono andati a pranzo con la signora indagata dicendo che sarebbero tornati il giorno dopo, non sono più tornati…
Il cittadino onesto ha denunciato anche i Revisori dei Conti per aver sospeso l’ispezione, li ha denunciati ed ha pubblicato la storia che vi sto raccontando.
Offesi, i Revisori dei Conti hanno querelato il cittadino onesto per calunnie… e mi chiedo da quando la verità è una calunnia? Da quando fare il proprio dovere è diventata una calunnia?
Il 12 maggio, il nostro raro cittadino onesto sarà giudicato, rischia una pena di 3 anni per aver fatto il proprio dovere.

Uno dei querelanti del nostro onesto cittadino è l’avvocato Romolo Reboa, membro del Collegio Unico dei Revisori dei Conti della Croce Rossa Italiana, è a sua volta indagato insieme a  Storace nello scandalo “Laziogate” in cui vengono contestati i seguenti reati:

Accesso abusivo al sistema informatico
Violazione della legge sulla privacy
Favoreggiamento
Falso
Interferenze illecita nella vita privata altrui

Speriamo nella massima divulgazione, perché da cittadini onesti ci possiamo appellare solo alla divulgazione di quanto sta accadendo.
Chi è il nostro eroe e per chi lavora?

E’ il Maresciallo Capo Vincenzo Lo Zito, dipendente del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana.

(Atto di querela)


Read Full Post »

Cari compagni, care compagne,

vi sto leggendo demoralizzati e delusi… lo sono anch’io, moltissimo, ma davvero vi aspettavate altro?

Buttarsi a terra ora, vorrà significare che in fondo non siamo poi dei grandi guerrieri come pensavo. Buttarsi a terra ora, significa che in fondo eravamo strumentalizzati dalla politica. Buttarsi a terra ora, significa che il vostro punto d’arrivo era solo politico, ed io so che non è così! Non per tutti, non per quelli che porto nel mio cuore e su cui conto!!!

Cari amici, abbiamo condiviso molte lotte,  non illudiamoci, lo abbiamo fatto soprattutto per cambiare il sistema, un sistema non si cambia con un anno di battaglie… siamo cresciuti molto, siamo in continua crescita e questo è un ottimo segno… ma il sistema non lo cambieremo in un anno o due… o 5, o 10… per cominciare davvero a cambiare il sistema ci vorranno almeno altri cinquant’ anni… noi non godremo i benefici delle nostre lotte, forse cominceranno a vederli i nostri figli, o i nostri nipoti.

Noi siamo la storia, il cambiamento, la coscienza… noi siamo il frutto della rete, dell’informazione pulita, noi siamo l’unica speranza del paese!!!

Ora dovete raccogliere le vostre forze, dovete ritrovare la vostra grinta, la vostra determinazione, io vi voglio ancora più agguerriti… siamo tantissimi, in questo ultimo anno siamo cresciuti a dismisura…la sconfitta politica di oggi ci fa solo capire che non siamo ancora abbastanza, questo è l’unico segnale che ci deve arrivare, un segnale che deve farci capire che siamo sulla strada giusta e che stiamo facendo bene!

Tornate indietro con la mente a qualche mese fa e ricordate queste citazioni:

Non è il tempo di piangere, è il tempo di reagire!

Io non voglio vedervi piangere, io non voglio farvi piangere, IO VOGLIO FARVI INCAZZARE!

Guardate ancora una volta questo video

E ditelo! Io lo sto dicendo immaginando i vostri volti, i volti di tutti voi, uno per uno “NOI NEPPURE!!!

RRRESISTENZAAAAAAAAAAA!!!!!

Helene Benedetti

Read Full Post »

Ore 01:30
Ho chiamato il Quirinale poco fa a questo numero: Tel. 06.46991
Con molta grazia e gentilezza ho chiesto: “Salve, buonasera, vorrei un’informazione, può dirmi perché l’uomo che dovrebbe difendere la nostra Costituzione è impegnato a difendere invece gli interessi di un piduista mafioso che dovrebbe farsi processare?”
Mi ha risposto: “Può chiamare anche domani mattina”
Ed io: “Ma oramai ha risposto, io non riesco a dormire perché non mi do pace, sa, non si arriva a fine mese, io sono disoccupata, mio marito è operaio, abbiamo un bambino… loro prendono stipendi che in un solo mese prendono il doppio dello stipendio annuale di un operaio, sarebbe così gentile da rispondermi per favore?”

Mi ha chiuso il telefono in faccia… io pago lo stipendio anche a quel porco che mi ha chiuso il telefono in faccia!
Provate anche voi… se vi daranno una risposta degna comunicatemela per favore…
Grazie!!!

Helene Benedetti

Read Full Post »

Non me ne vogliano gli splendidi volontari della Croce Rossa, fanno un lavoro impagabile, il problema non sono i volontari, il problema sono i “vertici”… la nostra italietta è piena di vertici, che antepongono i propri interessi a quello generale… c’è chi ci mette il cuore, e c’è il ladro mafioso (in genere “vertice”) che intasca fama e denaro… la Croce Rossa ne è piena, più indago e più trovo questo tipo di “vertici”.

Qualche giorno fa vi parlavo di Maria Teresa Letta, sorella dell’ indagato per truffa Gianni Letta, sì, il braccio destro del mafioso del Partito delle Libertà dei maiali… proprio lei, la Maria Teresa Letta che si reca ogni pomeriggio in chiesa, proprio lui, il Gianni Letta che lotta per mantenere il crocifisso negli uffici pubblici di uno stato laico per costituzione.
Questa gente che usa il buon Dio per coprire porcate!!!
Per chi se lo fosse perso, la signora Maria Teresa Letta è il probabile garofano da candidare alla provincia aquilana per le prossime elezioni, la “gentildonna” non ha ancora dato una risposta certa, ha semplicemente detto che non vuole assolutamente lasciare il suo posto da Presidentessa Regionale nella Croce Rossa, e per una nota del Commissario Straordinario della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca, chiunque si candidi deve abbandonare cariche amministrative all’interno della Croce Rossa…
Come da regolamento, il Presidente regionale (carica politica) non può firmare i mandati di pagamento, il Presidente Regionale non può amministrare i soldi per legge… La signora Maria Teresa Letta, Presidentessa Regionale (ora commissario) della Croce Rossa in Abruzzo, gestivanon uno, ma ben due conti correnti a nome della Croce Rossa Italiana, nello specifico: uno del comitato Locale di Avezzano e l’altro del Comitato Regionale Abruzzo
sono entrambi presso la banca Toscana, ad Avezzano, sua città di residenza.
Una persona onesta ha rilevato questi illeciti e li ha denunciati, il servizio ispettivo della Croce Rossa ha riconosciuto l’incompatibilità non prendendo alcun provvedimento e dando la possibilità alla signora Letta di mantenere il suo incarico, non solo, l’uomo che ha fatto queste denunce sta subendo gravissime ingiustizie, stanno facendo di tutto per trasferirlo… ed ora è stata avviata la procedura per un provvedimento disciplinare di stato che comporterà il licenziamento… Ad essere onesti ci si rimette!
Davanti agli illeciti rilevati, la signora Letta ha pensato bene per evitare di perdere il piatto succulento di far inserire un Direttore Regionale Dr. Leonardo Carmenati, già Capo Dipartimento del Servizio Socio Sanitario e fino a poco tempo fa anche Direttore Generale, il quale, chiudendo tutti e due gli occhi, fa gestire TUTTA l’Amministrazione della croce Rossa Abruzzese, alla amica intima della signora Letta, tale D.ssa Pescini Antonella, dipendente del Comitato Provinciale di Pescara, che è anche DIRETTORE Sanitario della Croce Rossa Abruzzo e quindi la Letta ha ripreso il controllo totale di tutto l’abruzzo indirettamente… Bella furbata e la Croce Rossa Nazionale come sempre non vede.. perchè non vede? Perchè il Commissario Rocca che dovrebbe vigilare non vigila dato che per volere ..stranamente è stato messo da Gianni Letta a dirigere la Croce Rossa Italiana e di conseguenza a coprire sua sorella, Maria Teresa Letta.
Siete nauseati? Pensate che il PDL questa brava donna ce la vuole mettere come Presidentessa della Provincia dell’Aquila… se ha truffato nell’amministrazione di un ente di beneficienza cosa può fare nella provincia? Chiedetevelo!!!

Per seguire l’intervista riassuntiva che ho fatto al brav’uomo che sta rischiando il posto per aver denunciato questi fatti clicca qui, troverai sia il riassunto che i video integrali e tutta la storia scritta

A chi ultimamente mi ha chiesto “Non hai paura di beccarti una denuncia?” Rispondo pubblicamente: No! Se mi denunciano devono aprire un’indagine e la signora finirebbe in galera!

Helene Benedetti

Read Full Post »

Maria Teresa Letta, si, la sorella di Gianni Letta, indagato per truffa aggravata, per abuso d’ufficio e turbativa d’asta, s’è infuriata per la fuga di notizie riguardo la sua candidatura alla Provincia dell’Aquila. A quanto pare, il PDL sta cercando un candidato “forte” per spazzare via l’attuale Presidente della Provincia Stefania Pezzopane… il Partito Delle Libertà conta molto sulla Letta che a noi invece risulta essere un’ottima truffatrice, quindi ottima candidata per il Partito delle Libertà dei Mafiosi!
Dai documenti che troviamo in rete, la signora Letta, attualmente Presidentessa della Croce Rossa Abruzzese, compie da anni gravissimi illeciti nella gestione dei fondi Statali e donazioni… insomma, buon sangue non mente…
Pare che la signora, in tutta tranquillità, abbia la sua firma su due conti della Croce Rossa della Regione Abruzzo
Torniamo a bomba, dicevo, la befana si è infuriata perchè aveva chiesto tempo e riservatezza per riflettere, lo leggiamo in quest’articolo, la signora Letta esclama “No, la Croce Rossa non la lascio”, e te credo!
Facciamo il punto della situazione: per una nota del Commissario Nazionale della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca, chiunque si candidi deve abbandonare cariche amministrative all’interno della Croce Rossa; la signora afferma che non lascerà mai la Croce Rossa… quindi? Perché bisognava mantenere riservatezza? A cosa sarebbe servito il tempo per pensare?
A cambiare la nota in tutto silenzio?
Ne parla l’intero web, blogger, pagine fan, youtube esplode di video… il Maresciallo Vincenzo Lo Zito ha rilasciato mille interviste e distribuito documenti chiari…
SILENZIO TOMBALE!
E noi continuiamo a parlarne…
Le porcate all’interno della Croce Rossa non sono una novità Letta, pare che risalgano a prima del 1997, sotto segnalazione di un caro amico, ho trovato anche questo capitolo del libro “Attenti ai Buoni” di Mario Giordano, ho comprato il libro, mai avrei creduto di comprare un libro di “quello lì”… (mai dire mai!!!). Cliccate qui per scaricare il pdf, è sul sito di Tiziano Dal Farra,sito posto sotto sequestro, perché in Italia denunciare illeciti è reato … curnut e mazziat!!!

E se Mangano è un eroe, se Craxi è un politico degno di una strada, di commemorazioni e di citazioni anche da parte del Capo dello Stato… la signora Maria Teresa Letta è sicuramente una degnissima candidata per il PDL
W L’ITALIA!!!

Helene Benedetti

Read Full Post »

Voci non ufficiali ci danno la signora Maria Teresa Letta (sorella di Gianni Letta) candidata alla provincia dell’Aquila, pare che il nome sia stato fatto direttamente dal PDL romano…

Un “nome forte”, così è stata etichettata su un articolo del quotidiano “Il Tempo”
Il partito delle libertà dei mafiosi ci presenta ancora una volta un nome poco pulito che forse avrà una fedina penale limpida, ma su cui girano voci luride riguardo comportamenti sporchissimi nella gestione della Croce Rossa Abruzzese. Forse non tutti sanno che la Presidentessa Regionale della Croce Rossa Abruzzese Maria Teresa Letta, è stata invano più volte denunciata dal Maresciallo Capo Vincenzo Lo Zito, stranamente queste denunce non arrivano mai davanti ad un magistrato, mai si è fatta chiarezza sulla faccenda dei fondi malgestiti e messi a disposizione su un conto bancario a nome della signora Letta che per decreto della stessa Croce Rossa Italiana non ha assolutamente diritto di gestire fondi statali e di donazioni. Intanto il povero Maresciallo Capo Vincenzo Lo Zito subisce provvedimenti disciplinari e trasferimenti assurdi in periodi di malattia, altra irregolarità per aver fatto il suo lavoro denunciando gli illeciti rilevati
Voci di corridoio mi hanno raccontato che la signora Letta quest’anno per Natale ha inserito nei pacchi natalizi dei donatori di sangue della Croce Rossa, che sono una componente numerosissima nella provincia dell’Aquila, un biglietto d’auguri firmato da lei (propaganda?), si vocifera che all’interno ci sono gli aiuti per i terremotati riciclati per la sua campagna elettorale.

Una nota positiva in tutta questa losca faccenda ci sarebbe… proprio per mano di Rocca, la Croce Rossa fece un’Ordinanza che obbliga a dimettersi qualora un funzionario dovesse intraprendere l’attività politica, quindi abbiamo ancora la speranza di ripulire il suo posto poco chiaro da Presidentessa Regionale della Croce Rossa Abruzzo con l’augurio, qualora la sua candidatura dovesse diventare ufficiale, che non riesca a vincere le elezioni dellagià abbastanza colpita provincia aquilana.
Attendiamo notizie ufficiali da questa disinformazione che ci da un rifiuto della candidatura della Letta sul Corriere della sera e, nello stesso giorno, il 16 gennaio, sul giornale Il Tempo, la conferma del suo sì
Quindi nulla di ufficiale, restiamo su questo letto di spine e di disinformazione in attesa di sapere quale sarà il destino del Maresciallo Vincenzo Lo Zito di cui vi ripropongo un riassunto dell’intervista che gli ho fatto quest’estate e che ovviamente continuerò a divulgare fino a quando qualcuno si deciderà a fare chiarezza su questa faccenda:

Clicca qui per vedere il riassunto dell’intervista

Helene Benedetti

Read Full Post »

Older Posts »